<data:blog.pageTitle/> Psicologica-Mente Blog
L’enigma di Alan Turing: Una matematica solitudine
L’enigma di Alan Turing: Una matematica solitudine

Alan Turing

Decrittò i messaggi dei nazisti, inventò l’intelligenza artificiale, fu perseguitato perché omosessuale. Si uccise con una mela avvelenata, come la sua amata Biancaneve, e ancora oggi non si sa se fu suicidio. Ecco chi era il papà dei computer moderni.

Le scuse formulate di recente ad Alan Turing da Gordon Brown a nome dell’Inghilterra hanno apposto un sigillo di ufficialità all’iter col quale, per mezzo secolo, gli ammiratori di questo grande matematico si sono adoperati in ogni modo per riabilitarne il buon nome. Cinquantacinque anni fa Turing si suicidò nella sua casa di Manchester ingerendo una mela spruzzata di cianuro di potassio  -  un richiamo al suo film preferito, Biancaneve e i sette nani di Walt Disney.

Continua a leggere: L’enigma di Alan Turing: Una matematica solitudine | La Repubblica.

Per l’immagine si ringrazia: On Being.